Documenti dialettali siciliani

Friddu e gelu ri jnnaru

Friddu e gelu paru paru

‘nta stu misi di jnnaru!

‘nta la stufa uri e uri

pi ‘mpuchinu di caluri!

 Misu arreri la vitrata,

paru u quadru d'addulurata!

Vaddu fora, nta la strada,

no c'è nuddu: disulata!

E pecciò cu fantasia,

mettu in motu la testa mia!

Pi passarimi lu tempu,

a qualcunu lu turmentu

cu sti frasi a casu scritti,

pi l'amici stritti stritti.

Pirdunati amici cari,

ma qualcosa l'haiu a fari,

a vuautri sulu tocca,

di liggilla a filastrocca.

Tuttu gratis, ovviamenti

pi l'amici e li parenti!

Ora passu a li saluti,

sacrusanti e duvirusi,

cu n'abbracciu ranni ranni,

dicu grazi a tutti quanti!

Freddo e gelo di gennaio

Freddo e gelo pieno

in questo mese di gennaio!

Vicino alla stufa ore ed ore

per un po’ di calore!

Messo dietro la vetrata,

sembro un quadro dell’Addolorata!

Guardo fuori, nella strada,

non c’è nessuno: desolata!

E perciò con fantasia,

metto in moto la testa mia!

Per passare un po’ di tempo,

tormento qualcuno

con queste frasi scritte a caso,

per gli amici stretti stretti.

Perdonatemi amici cari,

ma qualcosa la devo fare,

a voi tocca solamente,

di leggere la filastrocca.

Tutto gratis, ovviamente,

per gli amici ed i parenti!

Ora passo ai saluti,

sacrosanti e doverosi,

con un abbraccio grande grande,

dico grazie a tutti quanti!


Sfochiti terra mia! (Ma resi Raimonda Salamone)

Sfochiti terra mia,

sfoca tuttu lu duluri munti mio,

ca quannu fai accussì mi fai scantari,

a terra fai trimari, talmenti si nirvusa,

ca u focu ti fanu ittari,

poi t’acqueti picchì si fimmina

e si sapi che i fimmini

u duluri so portunu ri rintra,

e allura tutta muta, senza fari dannu,

ti metti a taliari u mari.

Sfogati terra mia! (Giratami da Raimonda Salamone)

Sfogati terra mia,

sfoga tutto il dolore montagna mia,

che quando fai così mi fai spaventare,

fai tremare la terra, talmente sei nervosa,

che ti fanno buttare fuoco,

poi ti calmi perché sei donna

e si sa che le donne

il dolore se lo portano dentro,

e allora in silenzio, senza far danno,

ti metti a guardare il mare.


Natali (ri Pino Salinitro)

Sciauru ri scacci sciurnati allura allura…

sciauru ri mucatuli, firringozza e turruni…

cu fa u sfuogghio, cu ilatina, cu a frittura

stasira è Natali! nasci a Santa Criatura…

 

A ghienti va pieri pieri curriennu

e mentri curri va a tutti salutannu

pinzannu chi manca e accattannu

rialuzzi po’ picciriddu o po’ nannu.

 

Ma, n’funnu, n’to cori arresta n’pinzieru

ppi chiddhi ca nenti si puonu accattari

ppi chiddhi ca janu occhi malu seriu

ppi chiddhi a mienzu e peni, quanto o mari.

 

Ppe tanti, truoppi rausani ca su luntani

cu ppò bisuognu, cu po sò distinu

macari suli e senza putiri fistiggiari

anziemi a famigghia a fari u fistinu.

 

E allura, cari fratuzzi e suruzzi rausani

ppi mumientu, pigghiamuni ppe manu

faciemu sentiri a nostra vicinanza ri paisani

a cu nun sta buonu e a chiddi ca su luntanu.

 

E n’abbrazzuni ranni, nu nn’ama, maisia scurdari

pi chiddi ca n’ta sta notti Santa sunu a travagghiari

pi putiri rari ri viersu a cu è n’ta liettu abbiatu

o, ppi vardari sempri ri occa mali intenziunatu

ppi tutti chidi ca ppi niautri su bbigghianti

e ppe so famigghi, iu, ci vasu i manu santi.

Natale (di Pino Salinitro)

Profumo di focacce sfornate da poco…

profumo di mucatoli, savoiardi e torrone…

chi fa lo sfoglio di ricotta, chi la gelatina di maiale, chi la frittura

stasera è Natale! Nasce la Santa Creatura…

 

La gente va in giro correndo

e mentre corre saluta tutti

pensando cosa manca e comprando regalini

per i piccoli e per i grandi.

 

Ma in fondo al cuore resta un pensiero

per quelli che non possono comprare niente

per quelli che hanno qualche male grave

per quelli che sono in mezzo alle pene grandi quanto il mare.

 

Per i tanti, troppi ragusani che sono lontani

chi per bisogno, chi per destino

magari da soli e senza poter festeggiare

insieme alla famiglia la festa ricorrente.

 

E allora, cari fratelli e sorelle ragusani

per il momento prendiamoci per mano

facciamo sentire la nostra vicinanza di paesani

a chi sta male e a chi è lontano.

 

E un grande abbraccio non ce lo dobbiamo, non sia mai, scordare

per quelli che in questa Santa notte sono a lavorare

per poter aiutare a chi è allettato

o per salvaguardarci da qualche malintenzionato

per tutti quelli che sono svegli per noi

e per le loro famiglie a cui io bacio le mani sante.


Preghiera o Signuruzzu

Signuruzzu, vulìa sapiri

si cu Tia pozzu parlari

sugnu sai assai cunfusa

e nun sacciu soccu fari.

Notti e jornu iu ci penzu

e nun dormu cchiù sirena

e perciò ti staiu prigannu

ca mi levi sta gran pena.

Iu vulissi cuminciari

li me jorna surridennu,

e pi chistu Signuruzzu

mi rivolgiu sempri a Tia.

Sa’ Signuri iu ci crìu

ca scinnisti ni sta terra,

iu ci crìu ca vinisti pi daveru;

e sta forza ca mi sentu

sacciu ca ma dasti tu.

Mi taliu ntunnu ntunnu

e mi pari di strammari

vidu cosi ni stu munnu

ca mi fannu arrisantari.

Iu vulissi veramenti

ca turnassi lu sirenu

ca la genti arridissi

cu lu cori sempri chinu

d’amicizia e senz’affanni.

Iu aspettu e haiu fiducia,

iu ti pregu Signuruzzu

porta gioia ni li cori

porta amuri e cuntintizza

e di godiri sireni

di lu munnu la biddizza.

Preghiera al Signore

Signore, vorrei sapere

se con Te posso parlare

sono sai assai confusa

e non so cosa fare.

Notte e giorno io ci penso

e non dormo più serena

e perciò ti sto pregando

che mi levi questa gran pena.

Io vorrei cominciare

le mie giornate sorridendo,

e per questo Signore

mi rivolgo sempre a Te.

Sai Signore io ci credo

che sei sceso su questa terra,

io ci credo che sei venuto per davvero;

e questa forza che mi sento

so che me l’hai data tu.

Mi guardo tutt’intorno

e mi sembra di stralunare

vedo cose in questo mondo

che mi fanno sbalordire.

Io vorrei veramente

che tornasse la serenità

che la gente sorridesse

che il cuore fosse sempre pieno

di amicizia e senz’affanni.

Io aspetto ed ho fiducia,

io ti prego Signore

porta gioia nei cuori

porta amore e contentezza

e permettici di godere sereni

del mondo la bellezza.


Jurnata d’acqua (ri Vittorio Ballato)

Scrùsci tant'acqua supra di 'na casa

e dda dintra li gocci stizzulìa;

posa un bacili 'i sutta gnura Masa,

criata, chi mischina murmurìa.

 

Un lampu a la ntrasatta ‘u celu scasa,

subitu di ribattuta trunìa,

la negghia intornu fa’ tavola rasa,

l'urtulanu pî danni sfirnicià.

 

Li strati si trasformanu in pantanu,

li machini passannu fannu rastu,

schizzannu l'acqua ancora chiù luntanu.

 

Si poi ntê casi nun c'é tantu fastu,

iu stennu supra 'i tia la me manu

e tantu bedda tu, mi duni mmastu!


Giornata d’acqua (di Vittorio Ballato)

Si abbatte tant'acqua su di una casa

e là dentro vi gocciola lentamente;

mette una bacinella di sotto la signora Tommasa,

domestica, che poverina mormora!

 

Un lampo all'improvviso in cielo appare,

quasi subito di rimando il tuono rimbomba,

la nebbia intorno distrugge la coltivazione,

l'ortolano per i danni cerca una soluzione.

 

Le strade si trasformano in pantano,

le macchine passando fanno un rumore strano,

schizzando l'acqua ancora più lontano.

 

Se poi nelle case non c'é tanto fasto,

io stendo su di te la mia mano

e benignamente tu mi tieni testa!



M'ispira (ri Rita Elia)

M'ispira lu ventu c'annaca li fogghi,

l'alliscia, li scoti, li strogghi

e li straminìa comu pittiddi

pi l'aria e pa' via.

M'ispira lu suli ca fà affacciateddi,

s'infila nte casi, nta tutti li vaneddi:

asciuca filati di robbi stinnùti

e fa arrussicari facciuzzi piatusi.

M'ispira lu focu c'abbrucia e distruggi

ca duna caluri, ca coci e rivugghi,

ca svampa, scattìa e fa li faiddi

ca scintillianu comu li stiddi.

M'ispira la me' terra ca è terra di focu

d'amuri e di odiu

di tanti sapura e di milli culura

di genti scialusa e assai ginirusa.

M'ispira lu scuetu ca fa 'nnamurari

dda smania ca afferra e fa suspirari

fa chianciri, ridiri, lu cori 'ncantari

e lu porta unni voli e lu fa cuntrastari.

M'ispira lu sonu di l'Avimmaria

ca 'nvita la genti e ci mustra la via

e annunzia la sira, la paci, lu riposu

e spiranzi d'amuri pi tutti li criaturi.

M'ispira la fami, la puvirtà

e la suffirenza di l'umanità;

m'ispira lu mari, lu firmamentu,

un filu d'erba, 'na spica di furmentu

'na lacrima, un cantu, 'na risatedda...

lu scaccanìari di 'na funtanedda.

Ma ch'ossai di tuttu m'ispira l'amuri,

ca a tutti sti cosi ci duna culuri,

ci duna vuci, ci porta puisia,

nni duna paci e nni porta armunia.

Si nun ci fussi stu sintimentu

la nostra vita fussi un turmentu;

povira e tristi dd'umanità

ca senza amuri nun sapi unni và!

Mi Ispira (di Rita Elia)

Mi ispira il vento che dondola le foglie

le carezza, le scuote, le scioglie

e le sparpaglia come coriandoli

in aria e per la via.

Mi ispira il sole che occhieggia,

che s'infila nelle case,

in tutti i vicoli,

asciuga fili di panni stesi

e fa divenir rosei faccini pallidi.

Mi ispira il fuoco che brucia e distrugge,

che dà calore, che cuoce e ribolle,

che s'infiamma, scoppietta e fa le faville

che scintillano come le stelle.

Mi ispira la mia terra

che è terra di fuoco di amore e di odio,

di tanti sapori e di mille colori,

di gente allegra e molto generosa.

Mi ispira l'inquietitudine che dà l'innamorarsi,

quella smania che afferra e fa sospirare

fa piangere, ridere, il cuore incantare

e lo spinge dove vuole e lo fa contrastare.

Mi ispira il suono dell'Ave Maria

che invita la gente e indica la Via

e annuncia la sera, la pace e il riposo

e speranze d'amore per tutte le creature.

Mi ispira la fame, la povertà

e la sofferenza dell'umanità;

mi ispira il mare, il firmamento,

un filo d'erba, una spiga di frumento,

una lacrima, un canto, una risatina,

e il ridere scrosciante di una fontanella.

Ma più di tutto a ispirarmi è l'amore

che a tutto questo dà calore,

dà voce, porta poesia,

ci dà pace e ci porta armonia.

Se non ci fosse questo sentimento,

la nostra vita sarebbe un tormento;

povera e triste quell'umanità

che senza amore non sa dove và!


'N trenu ca si chiama vita (ri Maurizio Catania)

È mpazzu trenu tutta a nostra vita

camina e non lu sai d'unni ti porta

Tra li cuntorti vii lentu s'avvita

e pisi ni carria chiù di 'na sporta!

 

Alla partenza c'è tutta 'na festa

ccu sinnicu, parrinu e sonu i banna

sbuffa di gioventù e duna testa

nudda putenza c'è ca lu cumanna!

 

Gira la rota, ferru ccu ferru e và

ndirettu senza sosta ne firmata

d'unni si va a pusari nuddu lu sà

'na cursa ntra ddu lami di na spada!

 

Poi gnornu, quannu menu ti l'aspetti

nu nbiviu duna ncangiu a la to via

Putevi fari tri e facisti setti!

Ma d'unni iri non spittava a tia?

 

E chistu fu lu jornu ca capisti

ca lu vuliri spissu vali nenti

ma quantu su li cursi ca facisti

pp'aviri sulu 'nfini picca e nenti!

 

Stu scambiu farsu non ti l'aspittavi

e di stu trenu chiù non hai cumannu

cridevi fussi tu ca lu purtavi

ma la sò dirizioni sta cangiannu!

 

È distinato forsi a longa via

o di lu capulinia è sulu l'ura?

È megghiu non sapirlu ascuta a mia

a pocu servi aviri sta primura!


Un treno che si chiama vita (di Mauruizio Catania)

È un pazzo treno tutta la nostra vita

cammina ma non sai dove ti porta

Si avvita lentamente tra le sue contorte strade

e pesi ne porta ancor più di una sporta.

 

Alla partenza(nascita) è una grande festa

con sindaco, prete e suono di banda musicale

sprizza gioventù e tiene testa a chiunque

non c'è nessuno capace di comandarlo.

 

La ruora gira, sfrega il metallo col metallo e si avvia

come un diretto senza sosta ne fermata.

Dove dovrà arrivare non lo sa nessuno

Una corsa tra due lame di spada.

 

Poi un giorno, quando meno te l'aspetti

un bivio cambia la tua direzione

Potevi fare tre ed hai fatto sette!

Ma dove andare non spettava a te?

 

E questo fu il giorno che ti sei reso conto

che il nostro volere spesso vale poco

ma quante corse hai fatto

ed infine ne hai avuto poco e niente!

 

Non t'aspettavi questo scambio falsato

e non hai più il comando della tua vita

Credevi fossi tu a guidarlo

ma sta cambiando la sua direzione.

 

È forse destinato ad una lunga strada

o è solo l'ora del capolinea?

È meglio non saperlo, ascoltami

a poco serve avere tutta questa fretta!


Quattru paroli (ri Filippo Bozzali)

Nun ti 'ffruntari mai

di diri ca voi beni a 'na pirsuna,

di chiangiri davanti a la furtuna,

di ridiri cuntannu li to' guai.

 

Nun ti 'mmucciari mai,

se sbagghi o fai piccatu troppu 'ranni,

dumanna sempri scusa, paja li danni

e si' pirdùnu cerchi, ci l'avrai.

 

Nun ti stancari mai

di diri pani o' pani e vinu o' vinu,

di costruiri tu 'u to' distinu

senza pinsari ca nun ci la fai.

 

Nun ti firmari mai

se si' sicuru d'essiri 'nto giustu,

difenni la raggiuni ad ogni costu

pirchì la dignità è bell'assai.

 

Nun ti girari mai

si senti li sireni di lu 'ngannu,

'i cosi storti beni nun ni fannu

e comu po' finiri nun lu sai.

 

Nun ti scurdari mai

ca si diventa 'ranni a picca a picca

e quannu ti n'adduni 'a ficu è sicca

e tempu di 'ppizzari nun ci n'hai.

 

Scrissi di cursa, lestu sduvacai

quattru paroli a comu vosi Diu

pirchì ti vogghiu beni, figghiu miu,

macari chistu 'un lu scurdari mai.

Quattro parole (di Filippo Bozzali)

Non vergognarti mai

di dire che vuoi bene ad una persona

di piangere davanti alla fortuna

di ridere raccontando i tuoi guai.

 

Non ti nascondere mai

se sbagli o fai peccato troppo grande

chiedi sempre scusa, paga i danni

e se perdono cerchi, ce l'avrai.

 

Non ti stancare mai

di dire pane al pane e vino al vino

di costruire tu il tuo destino

senza pensare che non ce la fai.

 

Non ti fermare mai

se sei sicuro di essere nel giusto,

difendi la ragione ad ogni costo

perché la dignità è bella assai.

 

Non ti girare mai

se senti le sirene dell'inganno

le cose storte bene non ne fanno

e come può finire non lo sai.

 

Non ti scordare mai

che si diventa grande a poco a poco

e quando te ne accorgi la fico è secca

e tempo da perdere non ne hai.

 

Scrissi di corsa, lestamente buttai

quattro parole, a come volle Dio (senza starci a pensare, confidando nella buona sorte)

perché ti voglio bene, figlio mio

anche questo non lo scordare mai.


U testamientu ri ‘nu sceccu

Lassu 'a testa a lu baruni,

ca cci servi ppi lampiuni ;

lassù 'u pilu a la zza monica,

ca sì fa 'na bella tonica ;

lassù l'ugna 'e cavaleri

ca sì fannu tabaccheri ;

e l'aricchi a li nutara,

ca ni fanu calamara;

lu capistru e lu varduni,

ci lu lassù a lu patruni!

Il testamento di un asino

Lascio la testa al barone,

gli servirà da lampione;

lascio il pelo alla zia monaca,

si farà una bella tonaca;

lascio le unghie ai cavalieri,

ne faranno tabacchiere;

e le orecchie ai notai,

ne faranno calamai;

e le cose migliori,

io li lascio al mio padrone!


Amuri zuccaratu (ri Orazio Minnella)

Si' 'n chiovu, ca 'n marteddu a tia cumpagnu ti chianta dintra mia, comu 'nta 'n lignu.

 

Oppuru si' 'dda tila, ca tu ragnu,

tissisti p'acchiappari dintra a 'n scrignu 'ddu sintimentu forti, grossu e magnu.

 

Ora sugnu 'nchiuvatu comu a 'n pignu e staju 'ntrappulatu, e non mi lagnu,

dintra 'sta tila to', ca lassa 'n signu.

Amore dolce (di Orazio Minnella)

Sei un chiodo, che un martello a te compagno ti pianta dentro me, come in un legno.


Oppure sei la tela, che tu ragno,

tessesti per carpire dallo "scrigno"

quel sentimento forte, grosso e magno. 


Ora sono inchiodato come un pino e sto intrappolato, e non mi lagno,

dentro sta tela tua, che lascia il segno.


Preghiera ra matina(curata ri Giuseppe Ganci).

Susiti piccaturi , la matina,

fatti la cruci e ti scurri la cruna;

prega l’Onnipotenza Divina

e vidi quantu grazii ca ti duna.

 

Maria, bedda stidda mattutina,

cchiù bedda di lu Suli e di la Luna,

cu dici st’orazioni ogni matina,

si iddu pecca: Maria prega e Diu pirduna.

 

Susiti cori mia h’aviri pacienzia

e pensa pi l’arma ca havi cchiù ‘mportanza,

pirchì cu si susi e ppi l’arma nun pensa;

và a lu n’fernu e nun c’è cchiù spiranza.

 

E pensa cori mia, ca si mori

gran cuntu a Gesù Cristu aggh’iri a dari,

e arrivati nni vidi lu cori,

chinu di spini e di turmenti amari.

Preghiera del mattino(a cura di Giuseppe Ganci).

Alzati peccatore, la mattina,

fai il segno della croce e ti dici il rosario;

prega l’Onnipotenza Divina

e vedi quante grazie che ti dona.

 

Maria, bella stella mattutina,

più bella del Sole e della Luna,

chi dice queste orazioni ogni mattina,

se pecca: Maria prega e Dio perdona.

 

Alzati cuore mio devi avere pazienza

e pensa per l’anima che ha più importanza,

perché chi si alza e non pensa per l’anima;

va all’inferno e non c’è più speranza.

 

E pensa cuore mio, che se muori

grande conto devi dare a Gesù Cristo,

e arrivato ne vedi il cuore,

pieno di spine e di tormenti amari.


Orazione (veni ri Catania)

"Ccu l'Angiulu mi levu stamatina,

 e a Vui Signuri vogghiu adurari,

 ca siti Figghiu di chidda Riggina,

 e di tri cosi m'aviti a scanzari:

 di malu omu, di mala vicina,

 di fausi tistimoni e criminali.

 Ora mi susu e mi fazzu 'u sirvizzeddu,

 guardatimi Vui Patruzzu beddu."

Orazione (proveniente da Catania)

"Con l'Angelo mi alzo stamattina,

 e a Voi Signore voglio adorare,

 che siete Figlio di quella Regina,

 e da tre cose mi dovete proteggere:

 dall’uomo cattivo, dalla vicina cattiva,

 dai falsi testimoni e criminali.

 Ora mi alzo e faccio un lavoretto,

 guardatemi Voi Padroncino bello."


U "Bongiornu"

Sugnu sicuru ca tanti e tanti… nun ci fanu mancu casu quantu ‘nu "Bongiornu" sia 'mpurtanti! …

Ti fa sentiri amatu e stimatu… pirchì 'ntà nu "Bongiornu" c'è amicizia, c'è affettu, c'è complicità… e ti fa piaciri ca quarcunu t'ha pinzatu!

E ‘na semplici parola ca ritta o scritta ri matina… ti fa sentiri comu a jaddina quannu avi a vozza cina!

Si felici, si cuntenti, si appagatu… ppi l'impurtanza ca i tò amici t'anu ratu!

E se c'è quarcunu ca ppi mmiria ciù nun ti saluta… Ddiu l'aiuta… peggiu ppi iddu… ha curriri e savutari sempri comu ‘nu riddu!!

Il buongiorno

Sono sicuro che tanti e tanti non ci fanno neanche caso quanto un "Buongiorno" sia importante! … 

Ti fa sentire amato e stimato... perché in un "Buongiorno" c'è amicizia, c'è affetto, c'è complicità… e ti fa piacere che qualcuno ti ha pensato!

E una semplice parola che detta o scritta di mattina… ti fa sentire come la gallina quando ha il gozzo pieno!

Sei felice, sei contento, sei appagato… per l'importanza che i tuoi amici ti hanno dato!

E se c'è qualcuno che per invidia ormai non ti saluta… Dio l'aiuta… peggio per lui… deve correre e saltare sempre come un grillo!!


A lu quinnici d'agustu

A lu quinnici d’agustu

c’è ‘na festa priparata

pi la matri immaculata

ca cu mantu e senza velu

s’innacchiana dritta ‘n’celu.

 

S’allistivanu nuveni

pi li strati do quarteri

tutti ‘nzemi ‘na vanniata

“Viva la Vergini Immaculata”.

 

Si curriva tra li cantuna

ogni sira era ‘na festa

p’arrivari primi in testa.

 

Quannu agustu arrivava

pi l’Assunta si pinzava

di cunzari l’artareddi

tutt’intornu bannireddi

pignatuna, pali e pateddi.

 

Si pinzava a la Madonna

ca lu quinnici senza jelu

sinni torna dritta ‘n’celu

a la fini di la festa.

 

Pi omaggiari la prisenza

A la genti si ci dava

Favi, ciciri e simenza;

quannu scuru divintava

s’addumava ‘na catasta

in onuri di la Regina

Matri Assunta e Divina.

Il quindici di agosto

Il quindici di agosto

c'è una festa preparata

per la Madre Immacolata

che col manto e senza velo

se ne sale dritta in cielo.

 

Si preparavano novene

per le strade del quartiere

tutti insieme un coro

"Viva la Vergine Immacolata".

 

Si correva tra i cantoni

ogni sera era una festa

per arrivare primi in testa.

 

Quando arrivava agosto

si pensava per l'Assunta

di preparare gli altari

tutto intorno bandierine

pentolacce, pali e padelle.

 

Si pensava alla Madonna

che il quindici senza gelo

se ne torna dritta in cielo

alla fine della festa.

 

Per omaggiare la presenza

alla gente si dava

fave, ceci e semenza;

quando si faceva sera

si accendeva una catasta

in onore della Regina

Madre Assunta e Divina.


Preghiera a San Franciscu (Rita d'Italia)

San Franciscu dù cilu scinniti

c’è bisugnu dà vustra prisenza

ca nù munnu l’umana demenza

troppu in bassu ni voli purtar;

troppi lupi ammanzari vi tocca,

ca si fincinu agniddi innuccenti,

tanti mali a li poveri genti,

fannu ognura e unn anu timor.

San Franciscu, prigati, prigati

ppi l’Italia e ppi tuttu lu munnu,

ranni zelu e amuri prufunnu

ispirati a li genti nta lu cor.

Patri santu, accrisciti, accrisciti

ni li vustri figliuzzi l’arduri,

vui ca siti di nustru Signuri

gran modellu di summa bontà.

Patri bunu, viniti, vinitini

l’armuzza di tutti i fidili e

di quanti mischini infidili.

su tutt’ora, v’aspetta ogni cori.

Chistu miraculu tutti aspittamu,

ni stu munnu la paci rignari,

chista grazia divina nigari

lu Signuri a vui nun vurrà.

Inno a San Francesco (Rita d'Italia)

San Francesco dal cielo scendete

c’è bisogno della vostra presenza

perché nel mondo l’umana pazzia

troppo in basso ci vuole portare;

troppi lupi vi tocca ammansire,

che si fingono agnelli innocenti,

tanti mali alle povere genti,

procurano ogni ora e non hanno timore.

San Francesco, pregate, pregate

per l’Italia e per tutto il mondo,

grande zelo e amore profondo

infondete nel cuore della gente.

Padre santo, accrescete, accrescete

nei vostri figli l’ardore,

voi che siete di nostro Signore

gran modello di somma bontà.

Padre buono, venite, venite

nell’anima di tutti i fedeli

e di quanti poveri infedeli

sono tuttora, vi aspetta ogni cuore.

Questo miracolo tutti aspettiamo,

in questo mondo la pace regnare,

questa grazia divina negare

il Signore a voi non vorrà.


'U tiatru di la vita (Vittorio Ballato)

Fussi un preiu turnari picciriddu

 e curriri pi strati a rumpi l'ossu,

 jucari chî cumpagni ammucciareddu

 e supirari senza scantu un fossu!

 

 Ora chi sugnu vecchiu e sciancateddu,

 vulissi chi lu tempu si firmassi,

 pi turnari carusu, figghiu beddu,

 far festa cu l'amici e mi scialassi!

 

 Ma tuttu chistu non si po' avvirari,

 restu a vardari 'mputenti e mischinu.

 Uora, m' 'u dici tu com'àiu a fari,

 pi capiri dâ vita 'stu tiatrinu?

 

 Amicu 'nta 'stu munnu tuttu passa.

 'A vita é un quatru di tanti culuri,

 ch'assumigghia 'i sicuru a 'na matassa,

 chi a picca a picca strogghi lu Signuri!

Il teatro della vita (Vittorio Ballato)

Sarebbe piacevole poter ritornare ragazzino

 e correre per le strade a rotta di collo,

 giocare con i compagni a nascondino

 e superare senza spavento un fosso!

 

 Ora che sono vecchio e zoppicante,

 desidererei che il tempo si fermasse,

 per ritornare ragazzo, figlio dolce,

 fare festa con gli amici e divertirmi!

 

 Ma tutto questo non si puó avverare,

 resto a guardare impotente e meschino.

 Ora, me lo dici tu come devo fare,

 per capire del vita questo teatrino?

 

 Amico mio in questo mondo tutto passa.

 La vita é simile a un quadro di tanti colori,

 che assomiglia di sicuro ad una matassa,

 che a poco a poco disfà il Signore!


Poesia ri Nino Martoglio dedicata alla mamma

Mamma, mammuzza, si 'n avissi a tia,

ju 'nta 'stu munnu, mi sintissi persu;

ti vogghiu beni chiù di l'Universu,

chiù di la vista e chiù di l'arma mia.

Si lu me' sensu ancora non s'ha persu,

lu vidi, mamma è pirchì pensu a tia:

a tia ca si' la megghiu puisia;

e di la puisia lu megghiu versu.

Oggi ricurri ancora la to' festa ed ju chi non mi scordu la jurnata, 

t'offru l'umili miu, solitu cantu.

Tu dunami la solita vasata,

e po' fammi durmiri ccu la testa supra lu pettu to' amurusu e santu!

Poesia di Nino Martoglio dedicata alla mamma

Mamma, mammuzza, se non avessi te,

io in questo mondo, mi sentirei perduto;

ti voglio bene più dell'Universo,

più della vista e più della mia anima.

Se il mio senso ancora non si è perso,

lo vedi, mamma è perchè penso a te:

a te che sei la migliore poesia;

e della poesia il miglior verso.

Oggi ricorre ancora la tua festa ed io che non mi scordo la giornata, 

ti offro il mio umile solito canto.

Tu donami il solito bacio,

e poi fammi dormire con la testa sopra il tuo petto amoroso e santo!


Morti ri Gesù

Silenziu,

passa la matri addulurata,

cerca lu figghiu amatu

ca si purtarru ccu na vasata.

Silenziu,

tra li vaneddi di lu paisi,

c'è Giuvanni c'accupagna,

cercunu Cristu 'ntutti li chiesi.

Silenziu,

si senti lu chiantu,

si chiusiru li porti

a la matri du cori affrantu.

Silenziu,

'na spada 'nto cori

e u fazzulettu 'nmanu

ppi salutari lu figghiu ca mori.

Silenziu,

la genti cu rispiettu

accumpagna 'Addulurata

battiennisi lu piettu.

Silenziu di duluri,

lacrimi d'amuri.

Morte di Gesù

Silenzio,

passa la Madre addolorata,

cerca il figlio amato

che si son portati con un bacio.

Silenzio,

fra le stradine del paese,

c'è Giovanni che l'accompagna,

cercano Cristo  in tutte le chiese.

Silenzio,

si sente il pianto,

si son chiuse le porte

alla madre dal cuore affranto.

Silenzio,

una spada nel cuore

e il fazzoletto in mano

per salutare il figlio che muore.

Silenzio,

la gente con rispetto

accompagna l'Addolorata

battendosi il petto.

Silenzio di dolore,

lacrime d'amore.


E veni Maria 'Mmaculata

Si presenta a la me porta,

si presenta 'n cumpagnia;

è Gesù cu la Madonna,

è Gesuzzu cu Maria.

 

” Beddamatri cca chi fai?

La me casa è scunzulata,

senza paci e senza amuri,

chi cci fai cu' to Signuri?”

 

“Senza patria e senza regnu,

cercu chiddi comu a tìa,

dammi locu, dammi focu,

ca ti fazzu cumpagnia.”

 

“Matri Santa Addulurata,

io ti dassi lu me cori

ma è vacanti e senza amuri,

trovi sulu lu duluri.”

 

“Figghia mia, nun dispirari,

vinni cca pi cunzulari,

lu tò amuri nun è mortu,

nta li vrazza io ti lu portu;

puru Iddu fu tradutu,

misu 'n cruci ed ammazzatu

ma a tri jorna Iddu è risortu

e nte vrazza io ti lu portu.”

 

“Oh Maria Cunzulatrici

di l'afflitti e d'infelici,

dammi la to cumpagnia,

veni cca, trasi Maria!”

E viene Maria Immacolata

Si presenta alla mia porta,

si presenta in compagnia;

è Gesù con la Madonna,

è Gesù con Maria.

 

“Madonna Santa che fai qui?

La mia casa è sconsolata,

senza pace e senza amore,

che ci fai qui col tuo Signore?”

 

“Senza patria e senza regno,

cerco quelli come te,

dammi spazio, dammi fuoco,

che ti faccio compagnia.”

 

“Santa Madre Addolorata,

io ti darei il mio cuore

ma è vuoto e senza amore,

trovi solo dolore.”

 

“Figlia mia, non disperare,

sono venuta qui per consolare,

il tuo amore non è morto,

io te lo porto in braccio;

pure Lui fu tradito,

messo in croce ed ammazzato

ma dopo tre giorni è risorto

ed in braccio io te lo porto.”

 

“Oh Maria Consolatrice

degli afflitti e degli infelici,

dammi la tua compagnia,

vieni qua, entra Maria!”


Matri Annunziata

Bedda Matri Annunziata,

l'alma mia nunn’ è appagata

se nunn’avi tutti l'uri,

oh Maria, lu to' amuri.

Oh chi gioia, oh chi allirizza,

oh chi vera cuntintizza,

l'anima afflitta perirìa

se n'avissi a tia, oh Maria;

lu dimoniu infirnali

nun pò fari no' cchiù mali,

pirchì sèntiri nun po',

oh Maria, lu nomi to'.

 

Chistu amuri divi aviri

chi desidera vinìri

a godiri 'n Paradisu,

oh Maria, lu beddu visu.

 

Ti ni pregu, gran Signura,

tu ca sii tutta pura,

sempri Virgini innocenti,

facci tu st'alma cuntenti.

Vuogghiu amarti e incontrasignu

a gridari lu mo' impignu

cu la vucca, lu cori e l'alma mia:

" Viva Gesù, Giuseppe e Maria".

Madre Annunziata

Bella Madre Annunziata,

l’anima mia non è appagata

se non ha sempre,

oh Maria, il tuo amore.

Oh che gioia, oh che allegria,

oh che vera contentezza,

l’anima afflitta sarebbe perita

se non avessi te, oh Maria;

l’infernale demonio

non può fare male ormai,

perché non può ascoltare,

oh Maria, il tuo nome.

 

Questo amore deve avere

chi desidera venire

a godere in Paradiso,

oh Maria, il bel viso.

 

Te ne prego, grande Signora,

tu che sei tutta pura,

sempre Vergine innocente,

fai contenta quest’anima.

Voglio amarti e (intraducibile)

a gridare il mio impegno

con la bocca, il cuore e l’anima mia:

“Viva Gesù, Giuseppe e Maria.


Ognissanti

Mi piacissi chi li Santi st’annata scinnissiru tutti quanti.

C'avvicinassiru allatu a ognunu e ni rassinu du scuppulittuna!

“Ma chi cumminati”, avissir'addiri, “‘ncapu a terra accussi' sapiti campari?

Sulu guerri e malu parrari, troppu duluri  e troppi cannalivari.

Nun vi ricemu di fari li Santi.., lu capiemu, è pisanti!

Ma na cosa si, la putissivu fari:

Taliativi ‘ntunnu.... senza parrari.

Lu viriti soccu c'è?

C’è nu munnu ca cianci e si sta pirdiennu, ‘nu munnu ri ladri e ri turmientu.

Nun ti ci mettiri puru tu.

Aiuta dunni c'è d'aiutari. ..

Mutu quannu è megghiu taciri.

Penza chi na la vita si po' sbagliari e abbi cori, ‘nzigniti a pirdunari.

Cerca di essiri ‘na brava pirsuna, ‘na pirsuna onesta, onesta e buona.

Nun ti vutari di fronte alla sofferenza, abbrazzala, strincila, prea e pacienzia.

Nun ci fa nenti se ogni tantu ti siddii, nun si fattu di lignu,  nam'accapiri!

Sulu ti ‘nzignu d'un purtari odiu...

Picchi' l'odiu abbrucia, distruggi e rende vana ogni cosa.

Gentile con chi ti sta vicino e avogghia cu chiddu cretinu!

Porta un sorriso anchi quannu ci fussi di ittari vuci..., penza a Gesù ca fu' misu ‘ncruci.

Chistu lu po' fari, nunn'è difficili.

Ecco, lu viri… Accumincia...

Sientu ciauru ri santità!"

Tutti i santi

Mi piacerebbe che quest'anno i Santi scendessero tutti quanti sulla terra.

Che si avvicinassero a lato di ognuno e ci dessero due scappellotti.

E ci dicessero:"Ma cosa combinate sulla terra, così sapete campare?

Solo guerre e maldicenze,troppi dolori e divertimenti.

Non vi diciamo di fare i santi..., lo capiamo, è pesante!
Ma una cosa si, la potreste fare:

Guardatevi attorno... senza parlare.

Lo vedete cosa c'è?

C'è un mondo che piange e si sta perdendo, un mondo di ladri e di tormento.

Non ti ci mettere anche tu.

Aiuta quando c'è da aiutare...
Stai zitto quando è meglio tacere.

Pensa che nella vita si può sbagliare ed abbi cuore, impara a perdonare.

Cerca di essere una brava persona, una persona onesta, onesta e buona.
Non ti voltare di fronte alla sofferenza, abbracciala, stringila, prega e pazienza. 

Non ci fa niente se ogni tanto ti scoccia, non sei fatto di legno, capiamoci!

Solo ti insegno a non portare odio... 
Perché l'odio brucia, distrugge e rende vana ogni cosa.

Gentile con chi ti sta vicino e a voglia con chi è cretino! 

Porta un sorriso anche quando ci sarebbe da gridare..., pensa a Gesù che fu messo in croce.

Questo lo puoi fare, non è difficile. 

Ecco vedi... Incomincia...

Sento odore di santità!"


A me matri (di Gianni Farruggio) [Riadattata in dialetto ragusano]


Tu mi criscisti, mi mannasti a scola...
puoi mi mittisti l'ali e mi ricisti:"Vola",
e iu vulai 'ntra paisi strani,
senza pinzari ca ti lassai 'nte peni.

Partii, ti lassai sula,
comu 'na varca senza vela,
a testa frasturnata, l'uocci cini,
e senza sangu rintra li to vini.

Ti lassai sula, partii luntanu,
ma viru ancora ca mi stienni a manu,
mi salutautu ma ricieutu: "Torna, t'aspiettu ccà, cuntu i ma jorna".

Ora c'haiu furriatu mienzu munnu,
e l'haiu vistu quasi 'sinu o funnu,
ora m'arripuosu e pienzu a tia,
ccu tantu amuri e tanta nostalgia.

E pienzu quantu mi vulieutu beni,
e quanti cosi beddi mi ricieutu:
"Attentu, nun surari, sennò t'arrufridi"
e aruci aruci mi mittieutu a manu 'nte capidi.

M'accarezzautu, mi strincieutu forti... ni pò spartiri sulu a morti!
A morti 'npietusa t'arrubbau,
e luntanu, luntanu ri mia ti purtau!

Si fici tardu, passarru i mo anni,
tra gioie, duluri e peni ranni!
Stancu è u ma cori, stanca è a mo testa,
ma prestu n'ancuntramu e sarà festa!

A mia mamma


Tu mi hai cresciuto, mi hai mandato a scuola,
poi mi hai messo le ali e mi hai detto: "Vola".
E io ho volato in paesi stranieri,
senza pensare di averti lasciato nelle pene.

Partii e ti lasciai sola,
come una barca senza vela,
la testa frastornata, gli occhi pieni,
e senza sangue dentro le tue vene!

Ti lasciai sola, andai lontano,
ma vedo ancora che mi stendi la mano,
mi salutavi ma dicevi:"Torna,
t'aspetto qua, conto i miei giorni".

Ora che ho girato mezzo mondo,
e l'ho visto quasi fino in fondo,
ora mi riposo e penso a te,
con tanto amore e tanta nostalgia.

E penso quanto mi volevi bene,
e quante cose belle mi dicevi:
"Attento, non sudare, che poi ti raffreddi"
e dolcemente mi mettevi le mani nei capelli.

Mi accarezzavi, mi stringevi forte,
ci può separare solo la morte!
La morte impietosa ti ha rubato
e lontano, lontano da me ti ha portato!

Si è fatto tardi, i miei anni sono passati,
tra gioie, dolori e pene grandi!
Stanco è il mio cuore, stanca è la mia testa,
ma presto ci incontreremo e sarà festa!

A sumana siciliana


Luni mi passa a lustrari i scarpi,

Marti nè si spusa nè si parti,

Miercuri i rintra e sumana ri fora,

Iuovi cierchi a sumana e nunn'a truovi,

Venniri è natura: comu agghiorna accussì scura,

Sabbutu è rallegracori: miatu cu 'll'avi beda la muggheri, cu 'll'avi brutta ci mori u cori.

La settimana siciliana


Il lunedì mi passa a pulire le scarpe,

il martedì nè ci si sposa nè si parte,

il mercoledì passa e la settimana è quasi finita,

il giovedì cerchi la settimana e non la trovi,

il venerdì è normale: il giorno finisce allo stesso modo di come inizia,

il sabato è rallegracuore: beato chi ha la moglie bella, chi ce l'ha brutta gli muore il cuore.

CAPACI, 23 Maggio 1992 - GIOVANNI FALCONE



Capaci ca, se nun s'anteressava ri Cosa Nostra, nun ciu facieunu st'attentatu.

Capaci ca, se sfallia st'attentatu, ancora campava.

Capaci ca, se campava, canciava stu paisi e sta politica mafiusa.

Capaci ca, se nun c'era sta politica mafiusa, a nostra isola rinascia.

Capaci ca, se rinascia erumu tutti ca saluti, co travagghiu e ca paci.

In ricordo di un grande uomo, capaci vu scurdati.


CAPACI, 23 Maggio 1992 - GIOVANNI FALCONE


Probabile che, se non si interessava di Cosa Nostra, non glielo facevano questo attentato.

Probabile che, se sfalliva questo attentato, ancora sarebbe vivo.

Probabile che, se viveva, cambiava questo paese e questa politica mafiosa.

Probabile che, se non c'era questa politica mafiosa, la nostra isola rinasceva.

Probabile che, se rinasceva fossimo stati tutti con la salute, col lavoro e con la pace.

In ricordo di un grande uomo, probabile che ve lo scordate.


I parienti (Ma resi Gianfranco Mendola)


I parienti ra muggheri

su aruci comu o meli,

i parienti ro maritu

su aspri comu 'acitu

I parenti (Per gent. conc. di Gianfranco Mendola)


I parenti della moglie

sono dolci come il miele,

i parenti del marito

sono aspri come l'aceto

L'amuri di la matri (Ma resi Silvana Mallia)


L’amuri di la matri è tantu granni,
 ca natru ‘u stissu nun si po truvari,
 ponnu passari tanti e tanti anni
 è sempri chiddu, nuddu ‘u fa canciari.

‘Ncumincia quannu sì ‘ntu ventri d’idda
ca ti disegna cu la fantasìa,
 e puru ca sì quantu ‘na nucidda,
 fa li so cosi, mentri penza a tia.

Ti parra, ti fa sèntiri la vuci,
 ti cunta ‘i nuvità di la so vita,
 ti tocca, poi tanticchia si cunnuci:
 facènnisi lu cuntu cu li jita.

E quannu di duluri arriva l’ura
 ti raccumanna ‘a vergini Marìa,
 matri di la santissima natura
 ca comu ‘nfigghiu sò pinzassi a tia.

E quantu voti ‘a notti la fa jornu
 quannu ti svigghi ca famuzza teni,
 cu l’occhi aperti e ‘ntesta lu fastornu
 ti strinci o pettu e lena li to peni;

poi t’accarizza ‘nta la to facciuzza,
 ti fa la ‘nnacatedda duci- duci,
 tu chiudi l’occhi mentri ‘a to mammuzza
 ti canta a ninna nanna a menza vuci.

Passa lu tempu, crisci e ti fai granni,
 lu munnu ‘u vo’ pigghiari a muzzicuni,
 Idda sta pinzirusa e ‘ntra l’affanni
 soffri pi tia, ma tu nun ti n’adduni;

li notti aspetta a tia ‘ntra li fastorni,
 sta cu l’aricchi a sèntiri ‘u purtuni:
 si tranquillizza sulu quannu torni
 poi chiudi l’occhi ‘ntra du’ suspiruni.

Pi d’idda ‘un crisci mai, sì sempri nica,
 ti chiama sempri cu lo so mizzigghiu,
 difenni sempri a tia d’ogni nimicu
 lu scopu da so vita è pi dda figghia

e mentri la so testa si fa janca,
 la forza s’assuttigghia e li duluri,
 sempri chiù spissu si riduci stanca,
 ma nun finisci mai di dari amuri.

L'amore della mamma (Per gent. conc. di Silvana Mallia)


L'amore della mamma è tanto grande
che un altro così grande non si può trovare,
possono passare tanti e tanti anni
è sempre lo stesso, niente lo fa cambiare.

Incomincia quando sei nel suo ventre
che ti disegna con la fantasia,
e anche se sei quanto una piccola noce,
fa le sue cose mentre pensa a te.

Ti parla, ti fa sentire la sua voce,
ti racconta le novità della sua vita,
ti tocca, poi un po' si convince:
facendosi i conti con le dita.

E quando arriva l'ora del dolore
ti raccomanda alla Vergine Maria,
madre della santissima natura
che pensi a te come se fossi suo figlio.

E quante volte la notte non dorme
quando ti svegli che hai fame,
con gli occhi aperti e il rumore in testa
ti stringe al petto e calma i tuoi dolori;

poi ti accarezza nella faccina,
ti dondola dolcemente,
tu chiudi gli occhi mentre la tua mammina,
ti canta la ninna nanna a bassa voce.

Passa il tempo, cresci e ti fai adulta,
vuoi prendere a morsi il mondo,
lei sta pensierosa e fra le fatiche
soffre per te ma tu non te ne accorgi;

le notti ti aspetta con ansia,
sta con le orecchie attente per sentire il portone:
si tranquillizza solo quando torni
poi chiude gli occhi sospirando.

Per lei non cresci mai, sei sempre piccola,
ti chiama sempre con il suo vezzeggiativo,
ti difende sempre da ogni nemico
lo scopo della sua vita è sua figlia

e mentre i suoi capelli diventano bianchi,
la sua forza diminuisce e per i dolori,
sempre più spesso arriva stanca,
ma non finisce mai di darti amore.

Friddu e gelu (Ma resi Maria Tumino)

Friddu e gelu paru paru
'nta stu misi ri jnnaru!
'Nta la stufa uri e uri
pi 'npuchinu ri caluri!
Misu arreri la vitrata,
paru u quadru r'Addulurata!
Vardu fora 'nta la strada,
nun c'è nuddu: disulata!
E perciò cu fantasia,
mettu 'nmotu la testa mia!
Pi passarimi lu tempu,
a qualcunu lu turmentu
cu sti frasi a casu scritti,
pi l'amici stritti stritti.
Pirdunati amici cari,
ma qualcosa l'haiu a fari,
a vuiautri sulu tocca,
di leggiri a filastrocca.
Tuttu gratis, ovviamenti
pi l'amici e li parenti!
Ora passu a li saluti,
sacrusanti e duvirusi,
cu n'abbracciu ranni ranni,
dicu grazi a tutti quanti!

Freddo e gelo (Per gent. conc. di Maria Tumino)

Freddo e gelo pieno pieno
in questo mese di gennaio!
Vicino alla stufa ore e ore
per un poco di calore!
Messo dietro la vetrata,
sembro il quadro dell'Addolorata!
Guardo fuori, nella strada,
non c'è nessuno, è desolata!
E perciò con fantasia,
metto in moto la testa mia!
Per passare un po' di tempo,
a qualcuno io tormento
con queste frasi a caso scritte,
per gli amici stretti stretti.
Perdonate amici cari,
ma qualcosa la devo fare,
a voialtri solo tocca,
di leggere la filastrocca.
Tutto gratis, ovviamente
per gli amici ed i parenti!
Ora passo ai saluti,
sacrosanti e doverosi,
con un abbraccio grande grande,
dico grazie a tutti quanti.

E nasciu la Sicilia! (Poesia in dialettu ri Antonina Scurto ri Trapani ca mi resi Raimonda Salamone ri Rausa)

Mentri criava lu munnu era stancu lu Signuri
e lu sururi supra la frunti comu perli ci scinnia.
Comu fu e comu ju...
'na goccia ri ddu divinu sururi rintra lu "Nostru Mari" cariu.
Tra l'acqui azzurrigni subitu 'n'isula bedda senza pari accumpariu.
Ri figghi boni e travagghiatura prestu prestu si populau
e "jardinu 'cantatu" addivintau.
Maturarru l'aranci, la racina, li ficu, li pummarora,
li ficurindia, li muluna e li limiuna...
Diu taliau la Sicilia cu stupuri e tuttu priatu rissi a lu suli:
"Vasala, accarizzala e tienila in gran onuri,
chista è 'na goccia di lu miu sururi".

Ed è nata la Sicilia! (Poesia dialettale di Antonina Scurto di Trapani avuta da Raimonda Salamone di Ragusa)

Mentre creava il mondo era stanco il Signore
e il sudore della fronte gli scendeva come perle.
Come fu e come è andata...
una goccia di quel divin sudore cadde nel "Mare Nostrum" (Il Mediterraneo n.d.r.).
Subito dalle azzurre acque spuntò un'isola bella senza pari.
Presto si popolò di figli buoni e lavoratori
e diventò un "giardino incantato".
Maturarono arance, uva, fichi, pomodori,
fichi d'india, angurie e limoni...
Dio guardò la Sicilia con stupore 
e tutto contento disse al sole:
"Baciala, accarezzala e tienila in grande onore,
questa è una goccia del mio sudore".

A Befana (Ma resi Raimonda Salamone ma iu a scrissi a rausana)

Ca scupa rutta e 'na veccia suttana
arrivau puru a Befana.
Ranni, nichi, beddi e brutti
a sta Befana l'aspettunu tutti.
E ri sta veccia immiruta
a causittedda vuonu essiri inciuta.
Almenu ida speriamu ca porta
pani, sausizza, vinu e viscotta.
Viri però ca se a' fattu u birbanti...
arriesti cu l'uocci cini e i manu vacanti.
Ora ca scrissi sta bedda poesia...
auguru a tutti 'na BUONA EPIFANIA.

La Befana (Per gentile concessione di Raimonda Salamone e da me scritta in ragusano)

Con la scopa rotta e una vecchia sottana
è arrivata pure la Befana.
Grandi, piccoli, belli e brutti
questa Befana l'aspettano tutti
e di questa vecchia con la gobba
vogliono essere riempita la calza.
Almeno lei speriamo che porti
pane, salsiccia, vino e biscotti.
Guarda però che se hai fatto il birbante...
resti con gli occhi pieni e le mani vuote.
Ora che ho scritto questa bella poesia...
auguro a tutti una BUONA EPIFANIA.

U dubbiu (Ma resi Raimonda Salamone)

Prima mi fu patri

puoi mi fu figghiu

sposu ri mo matri

e frati ro ma figghiu

Il dubbio (Per gent. conc. di Raimonda Salamone)

Prima mi è stato padre

poi mi fu figlio

sposo di mia madre

e fratello di mio figlio

Mamma (Ma resi Raimonda Salamone)

Ma u sapiti chi voddiri mamma?
Quannu c'è idda nenti manca!
Metti o munnu figghi,
ma cettu nun su meravigghi.
A mamma sempri cummogghia
ie pe figghi si spogghia,
cummatti cu figghi ie maritu
ma sempri rici: "Iù i biniricu!"
Ri mancanzi ni subisci 'nmari,
ma nun penza mai o mali.
Ie allura iessiri mamma
nunn'è mettiri figghi o munnu,
ma pirdunalli sempri
abbasta ca su cuntenti!
Assai su i suffirenzi ie i sacrifici,
ma na parola mai a rici.
Sempri bona iè sempri additta,
ie macari ca iè menza motta
sempri pe figghi lotta!
Chissu iè u significatu ra parola mamma!!!
O no?!

Mamma (Per gent. conc. di Raimonda Salamone)

Ma lo sapete cosa vuol dire mamma?
Quando c'è lei non manca niente!
Mette al mondo figli,
ma certo non sono meraviglie.
La mamma copre sempre
e per i figli si spoglia (dei suoi beni,ndr)
tiene a bada figli e marito
ma dice sempre:"Io li benedico!"
Di mancanze ne subisce un mare,
ma non pensa mai male.
E allora essere mamma
non è mettere figli al mondo,
ma perdonarli sempre
basta che siano contenti!
Molte sono le sofferenze ed i sacrifici,
ma non si lamenta mai.
E' sempre buona e sempre all'impiedi,
e anche se è mezza morta
lotta sempre per i figli!
Questo è il significato della parola mamma!!!
O no?!

Lu miraculu ri Santa Lucia (Ma resi Maria Grazia Carcione)

Mi rissi me nanna, quann'era nica:
"Ora ti cuntu 'na storia antica".
'Ncapu li iammi mi fici assittari
e araciu araciu si misi a cuntari.

"Ci fu 'na vota, a Sirausa,
'na caristia troppu dannusa.
Pani nun cinn'era e tanti famigghi
nunn'arriniscieunu a sfamari i figghi.
Ma puru 'mmenzu a la disperazioni
nun ci mancava mai la devozioni
e addumannavunu a Santa Lucia
chi li sarvassi di la caristia.

Nu bedu jornu arrivau di luntanu
rintra lu puortu sirausanu
'na navi carrica ri frummientu
a liberalli ri 'ddu turmientu.
Pi li cristiani la gioia fu tanta
ca tutti griravanu "Viva la Santa!"

Picchì fu grazii a la so 'ntercessioni
ch'avia arrivatu 'dda binirizioni.
Tutti accurrieunu a la marina,
ma era frummientu, nunn'era farina
e cu nu pitittu ch'un facia abbintari
nun c'era tiempu di iri a macinari.

Pi mittirisi subitu 'n'sarvamentu
avieunu a cociri lu stessu frummientu
e pi la forma "a coccia" ch'avia
accuminciarru a ciamalla "cuccìa".

La bona nova arrivau luntana
e pi sta martiri sirausana
fu accussì granni la venerazioni
ca fici nasciri 'na tradizioni.

Passò lu tiempu di la caristia
e arristau l'usanza, pi Santa Lucia,
di nun fari pani, di nun cociri pasta,
e di manciari la cuccìa e basta.

Ma lu sapiemu, ci voli picca
e l'usanza di scarsa addiventa ricca.
A ognunu ci vinni la bedda pinsata
di priparalla chiù elaborata.

Cu ci mittìa lu biancumanciari
e cu vinu cuottu ci vosi 'mmiscari.
Cu ci vulìa lu meli ri ficu
e tanti autri cosi ca mancu ti ricu.

Ma iu vulissi sapiri, a la fini,
ri unni spuntarru li beddi arancini?
E m'addumannu di quali manu
nascierru panelli e risattianu".

E mentri ca me nanna si sfurniciava,
a mia lu stomucu mi murmuriava
e mi ricuordu ca c'avissi rittu:
"Nanna, zittiemini c'haiu pitittu"

Il miracolo di Santa Lucia (Per gent. conc. di M. Grazia Carcione)

Mi disse mia nonna, quand'ero piccolina:
"Ora ti racconto una storia antica".
Mi fece sedere sopra le sue gambe
e adagio adagio si mise a raccontare.

"Una volta ci fu, a Siracusa,
una carestia troppo dannosa.
Non c'era pane e tante famiglie
non riuscivano a sfamare i figli.
Ma anche in mezzo alla disperazione
non gli mancava la devozione
e domandavano a Santa Lucia
che li salvasse dalla carestia.

Un bel giorno arrivò da lontano
dentro il porto siracusano
una nave carica di frumento
a liberarli da quel tormento.
Per i cristiani la gioia fu tanta
che tutti gridavano "Viva la Santa!"

Perchè fu grazie alla sua intercessione
che era arrivata quella benedizione.
Tutti accorsero a mare,
ma era frumento, non era farina
e con la fame che c'era
non c'era tempo di andare a macinare.

Per mettersi subito in salvo
dovevano cuocere lo stesso frumento
e per la forma a chicco che aveva
incominciarono a chiamarla "Cuccìa".

La buona novella arrivò lontana
e per questa martire siracusana
fu così grande la venerazione
che fece nascere una tradizione.

Passò il tempo della carestia
e restò l'usanza, per Santa Lucia,
di non fare pane, di non cuocere pasta,
e di mangiare la "Cuccìa" e basta.

Ma lo sappiamo, ci vuole poco
e l'usanza da povera diventa ricca.
A ognuno venne la bella idea
di prepararla più elaborata.

Chi ci metteva la crema bianca
e chi ci volle mischiare il vino cotto.
Chi ci voleva il miele di fichi
e tante altre cose che neanche ti dico.

Ma io vorrei sapere, alla fine,
da dove sono spuntate le belle arancine?
E mi domando da quale mano
son nati panelle e risotti".

E mentre che mia nonna si spremeva le meningi,
mi si mormorava lo stomaco
e mi ricordo di averle detto:
"Nonna, stiamo zitti che ho fame!" 

Santo Rosario (Ma resi Patrizia Berrafato)

Misteri Gaudiosi (Luni e Giuovi)


1) Diu ci manna na nbasciata


e di l’angilu fu purtata


è lu figghiu di Diu Patri


e Maria fu fatta matri.


O gran vergini Maria mi ni cunsolu assai di Vui Maria.



2) Vi partistuvu cun gran fretta


ne la casa di Lisabetta


San Giuvanni nun na natu


fu di Diu santificatu.


O gran Vergini Maria mi ni cunsolu assai di Vui Maria.



3) Ni na povera mangiatura


parturiu la Gran Signura


fici a Gesù Bambineddu


in mezzu a n’vuoi e l’asineddu.


O gran Vergini Maria mi ni cunsolu assai di Vui Maria.



4) Comu l’autri fimmineddi


piccatrici e puvireddi


ne la cresia vui vinistuu


e Gesuzzu vui l’offristuu.


O gran Vergini Maria mi ni cunsolu assai di Vui Maria.



5) A Gesuzzu lu pirdistuvu


lu circastuvu e lu viristuvu


ca nsignava la dottrina


sapienza sua divina.


O gran Vergini Maria mi ni cunsolu assai di Vui Maria.


 

Misteri Dolorosi (Marti e Venniri)


1) Gesù a l’ortu si disponi


e pi fari orazioni


sta pinzannu a lu piccatu,


sangu veru Diu ha suratu.


O gran Vergini Maria la vostra pena è ncuori miu.



2) A Gesuzzu lu pigghiaru


lu pigghiaru e lu attaccaru


li so carni flagellati


cu seimila vastunati.


O gran Vergini Maria la vostra pena è ncuori miu.

 

3) Re di iuncu ncurunatu


cu na canna flagillatu


chi duluri in testa prova


fuoru spini comu chiova.


O gran Vergini Maria la vostra pena è ncuori miu.



4) A la muorti fu cunnannatu


comu nu latru scialaratu


e la cruci n’cuoddu porta


nuddu c’è ca lu cunforta


c’è la Vergini Maria


la vostra pena è ncuori miu.



5) A la vista di so Matri


crucifissu cu du latri


Maria a forza di duluri


trapassau lu Redentori.


O gran Vergini Maria la vostra pena è ncuori miu.



Misteri Gloriosi (Miercuri, Sabbitu e Duminica)


1) Gesù già risuscitau


di la muorti triunfau


cuomu re di trionfanti


scarcirau li patri santi.


O gran Vergini Maria mi ni rallegru assai di Vui Maria.

 

2) Duopu li quaranta iorna


Gesù Cristu ncielu torna


e Maria cu li so amici


si lu abbrazza e binirici.


O gran Vergini Maria mi ni rallegru assai di Vui Maria.



3) Dieci iorna già passaru


e l’Apostuli a Diu priaru


Maria Vergini ammantinni


e lu Spiritu Santu vinni.


O gran Vergini Maria mi ni rallegru assai di Vui Maria.



4) Vinni l’ora di partiri


Maria ncielu e puoi guariu


e chi bella sorti fu


ne li braccia il miu Gesù.


O gran Vergini Maria mi ni rallegru assai di Vui Maria.



5) Maria in cielu triunfau


l’arma e u corpu ncielu entrau,


ncurunata fu rigina


pi l’eternità divina.


O gran Vergini Maria mi ni rallegru assai di Vui Maria.

Santo Rosario (Per gent. conc. di Patrizia Berrafato)

Misteri Gaudiosi (Lunedì e Giovedì)

1) Dio ci manda un’ambasciata

e dall’angelo fu portata

è il figlio di Dio Padre

e Maria fu fatta madre.

O gran vergine Maria mi compiaccio molto di Voi Maria.


2) Avete partorito con gran fretta

nella casa di Elisabetta

San Giovanni prima che fosse nato

fu da Dio santificato.

O gran Vergine Maria mi compiaccio molto di Voi Maria.


3) In una povera mangiatoia

ha partorito la Gran Signora

fece Gesù Bambinello

in mezzo a un bue e l’asinello.

O gran Vergine Maria mi compiaccio molto di Voi Maria.


4) Come le altre femmine

peccatrici e poverelle

nella chiesa voi siete venuta

e Gesù  voi avete offerto.

O gran Vergine Maria mi compiaccio molto di Voi Maria.


5) Gesù lo avete perso

Lo avete cercato e lo avete visto

che insegnava la dottrina

sapienza sua divina.

O gran Vergine Maria mi compiaccio molto di Voi Maria.


Misteri Dolorosi (Martedì e Venerdì)

1) Gesù si dispone nell’orto 

e per fare orazioni

sta pensando al peccato,

sangue vero Dio ha sudato.

O gran Vergine Maria la vostra pena è nel mio cuore.


2) Gesù lo hanno preso 

lo hanno preso e lo hanno legato 

le sue carni flagellate 

con seimila bastonate.

O gran Vergine Maria la vostra pena è nel mio cuore.



3) Re di giunco incoronato 

con una canna flagellato 

che dolore in testa prova 

furono spine come chiodi.

O gran Vergine Maria la vostra pena è nel mio cuore.


4) A  morte fu condannato 

come un ladro scellerato 

e la croce addosso porta 

nessuno c’è che lo conforta 

c’è la Vergine Maria 

la vostra pena è nel mio cuore.


5) Alla vista di sua Mamma

crocefisso con due ladri

Maria a forza di dolore

è trapassato il Redentore.

O gran Vergine Maria la vostra pena è nel mio cuore.


Misteri Gloriosi (Mercoledì, Sabato e Domenica)

1) Gesù già è resuscitato

dalla morte ha trionfato

come re di trionfanti

lo ha scarcerato il padre santo.

O gran Vergine Maria mi compiaccio molto di Voi Maria.



2) Dopo quaranta giorni

Gesù Cristo in cielo torna

e Maria con i suoi amici

se lo abbraccia e benedice.

O gran Vergine Maria mi compiaccio molto di Voi Maria.


3) Dieci giorni già passarono

e gli Apostoli pregarono Dio

Maria Vergine si è mantenuta

e lo Spirito Santo è venuto.

O gran Vergine Maria mi compiaccio molto di Voi Maria.

 

4) Venne l’ora di partire

Maria in cielo e puoi guarì

e che bella sorte fu

nelle braccia il mio Gesù.

O gran Vergine Maria mi compiaccio molto di Voi Maria.

 

5) Maria in cielo trionfò

l’anima e il corpo in cielo entrarono,

incoronata fu regina

per l’eternità divina.

O gran Vergine Maria mi compiaccio molto di Voi Maria.


Ninna nanna

Maria lavava
Giuseppi stinnia
u Bamminu ciancia
"Zittiti figghiu
ca ora ti pigghiu
ti rugniu a ninneda
ca pani nun ci 'nnè"

Ninna nanna

Maria lavava
Giuseppe stendeva
il Bambino piangeva
"Stai zitto figlio
che ora ti piglio
ti do il seno
perchè pane non ce n'è"


Ccu Gesù mi cuccu e ccu Gesù mi staiu

Ccu Gesù mi cuccu e ccu Gesù mi staiu
se sugnu ccu Gesù paura nunn’aiu
l’angilidi mi su suoru e frati
i Serafini mi sunu cugini
ora ca iaiu st’amici firili
mi fazzu a Cruci e mi mettu a durmiri.

Con Gesù mi corico e con Gesù mi sto

Con Gesù mi corico e con Gesù mi sto
se sono con Gesù non ho paura
gli angioletti sono miei fratelli e sorelle
i Serafini sono miei cugini
ora che ho questi amici fedeli
mi faccio il segno della Croce e mi metto a dormire.


Lu suli e la luna

'N jornu lu suli si firmò nto celu,
'a luna dissi: ssì cammuria veru!
Ppo' 'ssiri ca tutti 'i siri tt'agghiri
a fari 'u beddu bagnu 'nta lu mari,
e oggi ca sugnu parata a festa
arresti fermu à taliari 'a chiazza?
Ohu, nun circari 'a scusa cchiù cretina
ca scuppiasti o ti finiu benzina;
avanti cumincia prestu a tacchiari
ca ora 'nto celu haiu 'ccumpariri.
Docu 'u suli si quariò e rispusi:
ju sugnu omu e nun cercu scusi
sugnu nta sta chiazza c'aspettu 'a Santa
ca nun ci viri povira mischinedda;
e ccu li beddi raggi chini d'amuri
mi vogghiu vasari 'i sarausani
veni à diri ca tu spunti dumani
oggi no! haiu anticchia di chiffari.
Intanto tra spari, botti, battimani,
'ccumpariu 'a Santa 'a Cattedrali,
e mentri 'a prucissioni caminava
"Ebbiva Santa Lucia!" si sinteva.
Addopu 'n pizzuddu 'i purtaturi
erunu tutti nta mari di sururi,
'a fatica troppu granni si faceva
sutta ddu gran suli, ca carni pirciava.
Lucia capiu 'a situazioni
e parrannu all'aricchi di lu suli
ci sciusciò alleggiu sti duci paroli:
Ti ringraziu ppi 'u to' granni amuri
ma ora viri, tu suli tti 'nna ghiri,
ora ci voli la to' cumpagna luna
pp'arrifriscari tutti sti criatura
ca m'hanu 'a pur tari 'a la burgata
e tu lu sai quantu è longa 'a strada.
'U suli mutu e sulu si nni stava
signu ca stu fattu ci dispiaceva,
la Santa capiu e disse ancora:
Luna, nun 'ssiri accussì priscialora!
Lu tridici dicembri di ogni anno
'u suli 'nta lu mari nun si fa bagnu,
accumpagnari 'a luna di darreri
affari insumma va' da cavalieri.
Idda si desi na bedda annacata
e nta lu celu fici 'a so' trasuta,
Lu firmamentu? Ca tuttu 'n brillanti
lu suli arreri, la luna avanti;
e se per caso tu talii nto celu
e nun ti lu sa spiegari stu misteru
com'è che tutto è ben illuminato,
u fattu è chistu e l'haiu cuntatu.

Il sole e la luna

Un giorno il sole si fermò nel cielo,
la luna disse: sei una scocciatura!
Può essere che tutte le sere ti devi andare
a fare un bel bagno a mare,
ed oggi che sono vestita a festa
resti fermo a guardare la piazza?
Ehi, non cercare la scusa più cretina
che hai forato e che hai finito la benzina;
avanti, comincia ad andartene
che ora devo comparire io in cielo.
Quindi il sole si infuriò e rispose:
io sono uomo e non cerco scuse
sono in questa piazza che aspetto la Santa
che non ci vede poveretta;
e con i miei raggi pieni d’amore
voglio baciare i siracusani
vuol dire che tu spunterai domani
oggi no! Ho un po’ da fare.
Intanto tra spari, botti, battimani,
comparve la Santa in Cattedrale,
e mentre la processione camminava
“Viva Santa Lucia” si sentiva.
Dopo un po’ i portantini
erano tutti in un mare di sudore,
la fatica si faceva troppo grande
sotto quel sole forte che bucava le carni.
Lucia capì la situazione
e parlando alle orecchie del sole
gli disse leggermente queste dolci parole:
Ti ringrazio per il tuo grande amore
ma ora vedi, tu sole te ne devi andare,
ora ci vuole la tua compagna luna
per rinfrescare tutte queste creature
che mi devono portare alla borgata
e tu lo sai quanto è lunga la strada.
Il sole se ne stava muto e solo
segno che il fatto gli dispiaceva,
la Santa capì e disse ancora:
Luna, non essere così frettolosa!
Il tredici dicembre di ogni anno
il sole non fa il bagno a mare,
deve accompagnare la luna da dietro
insomma deve fare il cavaliere.
Lei si dette una bella mossa
e fece la sua entrata in cielo,
Il firmamento? Brillava tutto
il sole dietro, la luna davanti;
e se per caso tu guardi in cielo
e non ti sai spiegare questo mistero
com’è che tutto è ben illuminato,
il fatto è questo e l’ho raccontato.

Mi cuccu sulu e nun mi cuccu sulu

Mi cuccu sulu e nun mi cuccu sulu
mi cuccu tantu bedu accumpagnatu
quattru iangili a lu liettu
a Bedda Matri a puortu ‘npiettu
iu ruommu e Ida vigghia
se c’è cosa m’arrusbigghia
mi mettu sutta o sa mantu
‘no nomi ro Patri, ro Figghiu e ro Spiritu Santu

Mi corico da solo e non sono solo

Mi corico da solo e non mi corico da solo
mi corico ben accompagnato
quattro angeli nel letto
la Madonna la porto in petto
io dormo e Lei veglia
se c’è qualcosa che non va mi sveglia
mi metto sotto il suo manto
nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo

Natale

Tuttu è biancura, fridda è la nuttata
ma mai lu celu fu tantu vicinu,
cadi la nivi modda e spinsirata
e chiovi celu, chiovi gersuminu:
la terra si lu cogghi e si nn’appara,
certu pi na gran festa si pripara.
L’arvuli nudi nni la fridda terra
avviluti di centu furturati
quantu cchiù ponnu spincinu di ‘nterra
li vrazza ‘mpuviruti e assiccumati
e cc’è nni dd’attu na muta prijera,
l’anima ansiusa di cu soffri e spera.
E speranu li ciumi chianciulini
spersi, cunfusi, ‘ngramagghiati e stanchi,
speranu li muntagni sularini
vecchi pinsusi cu li testi bianchi,
spera la terra ca si puru ciata
sutta d’un mantu friddu è vurricata.
Ma eccu un primu toccu di campana
vola dicennu: E’ natu lu Missia!
Navutru toccu curri, s’alluntana,
e in ogni cori ‘mpinci e tuppulia,
po’ nautri centu e l’ariu chinu chinu
murmura è festa! E’ natu lu Bamminu
.

Natale

Tutto è candore, gelida è la notte
ma mai il cielo fu tanto vicino,
cade la neve a fiocchi dolcemente
e piove cielo, piove gelsomino:
la terra lo raccoglie e si fa bella
certo per una gran festa si prepara.
Gli alberi spogli nella fredda terra
tormentati da cento fortunali
quanto più possono spingono verso il cielo
i rami senza foglie e rinsecchiti
e c’è in quell’atto una muta preghiera
dell’ansia di chi soffre e spera.
E sperano i fiumi piangenti
smarriti, confusi, mesti e stanchi,
sperano le montagne solitarie
come vecchi pensosi con le teste bianche,
spera la terra che, seppure respira,
é sepolta sotto un manto di neve.
Ma ecco un primo rintocco di campana
che annuncia che è nato il Messia!
Un altro rintocco in lontananza,
e in ogni cuore giunge e bussa,
poi altri cento e l’aria piena piena
mormora: E’ festa. E’ nato il Bambino.

Lu Verbu

Lu Verbu sacciu e lu Verbu aia ddiri
lu Verbu ca lassau Nuostru Signuri,
Nuostru Signuri ca vosi muriri
muriri vosi ppi niautri piccaturi.
Oh piccaturi oh piccatrici
viriti quantu è gghiauta sta Cruci
ri quantu è gghiauta e ri quantu è bella
stenni ‘nmurazzu ‘ncielu e nautru ‘nterra.
Lu Verbu sacciu e lu Verbu aia ddiri
lu Verbu ca lassau Nuostru Signuri,
Nuostru Signuri ca vosi muriri
muriri vosi ppi niautri piccaturi.
Cu lu rici tri voti o iuornu
si ni scansa re peni i ‘nfiernu,
cu l urici tri voti a notti
si ni scansa ri mala morti,
cu l urici tri voti ccu mia
si n’acciana ‘ncielu ccu Maria.

Il Verbo

Io so il Verbo e lo devo dire
il Verbo che ha lasciato Nostro Signore,
Nostro Signore che ha voluto morire
morire ha voluto per noi peccatori.
Oh peccatori oh peccatrici
vedete quanto è alta questa Croce
di quanto è alta e di quanto è bella
estende un braccio in cielo e uno in terra.
Io so il Verbo e lo devo dire
il Verbo che ha lasciato Nostro Signore,
Nostro Signore che ha voluto morire
morire ha voluto per noi peccatori.
Chi lo dice tre volte al giorno
non soffrirà le pene dell’inferno,
chi lo dice tre volte a notte
non avrà una cattiva morte,
chi lo dice tre volte insieme a me
salirà in Cielo con Maria.

Preghiera ppi firmari i curi traunari

Santa Nunziata
‘nti na cammira siti firmata
ccu nu libbru ri oru ca ligghia
e l’Angilu ca rummia.
Susiti iangilu,
nun ddormiri acciù
ca tri nuvili viru viniri:
una ri acqua, una ri vientu
e una ri cura traunara;
pigghia ‘ncutiedu, stoccala ‘nta lu mienzu
e abbiella ‘nta na cava oscura
unni nun ci canta iadu,
unni nun ci nasci suli,
unni nun c’eni nessuna criatura.
Diu nunn’è Viscuvu
e mancu Cardinali,
fermiti muru e trona ri mari.

Preghiera per fermare le trombe d'aria e d'acqua

Santa Nunziata
siete chiusa a chiave in una camera
dove leggete un libro d’oro
e dove dorme un Angelo.
Alzati Angelo,
non dormire più
perché vedo tre nuvole che si avvicinano:
una di acqua, una di vento
e una di tromba d’aria:
prendi un coltello, tagliala nel centro
e buttala in una cava oscura
dove non canta gallo,
dove non nasce il sole,
dove non c’è nessuna creatura.
Dio non è Vescovo
e neanche Cardinale,
fermati muro e tuono di mare.

Prima preghiera ppi pruteggiri a casa

Iu ciuru la porta mia
cu lu mantu ri Maria
cu l’aniedu ri San Simuni
e u vastuni ri San Ginnaru;
cu voli mali a mia
nunn'a truari
né a porta e mancu a via.
Gesù, Giuseppi e Maria
prutiggiti la casa mia.

Prima preghiera per proteggere la casa

Io chiudo l’ingresso di casa mia
con il mantello di Maria
con l’anello di San Simone
ed il bastone di San Gennaro;
a chi vuole il mio male
non gli devono far trovare
né la porta né la strada.
Gesù, Giuseppe e Maria
proteggete la casa mia.

Secunna preghiera ppi pruteggiri a casa

Sutta e linzola
Santu Nicola,
sutta e cuscina
Santa Cristina,
ravanti a porta
l’Angilu cumporta,
ammienzu a via
a Vergini Maria.
Cu a fari mali a mia
nun trova né a porta e mancu a via.

Seconda preghiera per proteggere la casa

Sotto le lenzuola
San Nicola,
sotto i cuscini
Santa Cristina,
davanti all’uscio
mi protegge l’Angelo,
in mezzo alla strada
la Vergine Maria.
Chi mi vuol fare del male
non trova né la porta né la via.

Preghiera prima ri irisi a cuccari

Iu mi cuccu e mi cuccai
quattru iangili truai:
dui a la testa e dui a li pieri
'nta lu mienzu lu figghiu ri Diu,
idu mi rissi: “A cruci ta facisti?”
Ruommi e riposa
e nun ti scurdari nessuna cosa.

Preghiera prima di andare a dormire

Mi corico e mi coricai
quattro angeli trovai:
due alla testa del letto e due ai piedi
nel mezzo il figlio di Dio,
egli mi disse: “ Ti sei fatto il segno della Croce?”
Dormi e riposa
e non dimenticarti nessuna cosa.

Bamminiedu balla balla

Bamminiedu balla balla
ca lu cianu è tuttu to,
unni posa u to piruzzu
nasci menta e basilicò
e ni cuogghi 'na scucchida
e la puotti a mamma to:
ti la metti 'nto pittuzzu
oh! Chi sciauru ca fa Gesuzzu!

Balla balla Gesù Bambino

Gesù Bambino balla sempre
perché lo spiazzale è tutto tuo,
dove poggia il tuo piedino
nasce menta e basilico
e ne raccogli una fogliolina
e la porti alla tua mamma:
te la strofina nel petto,
oh! Che profumo che fa Gesù Bambino!

La scuola

La scuola è bella perché ti insegna a vivere
e ti insegna tante cose e ti fa scoprire il mondo,
ti insegna la poesia, la matematica, la musica,
la storia, la geografia e ciò che ti serve per vivere.
Essa è come una grande famiglia,
dove i compagni sono come fratelli e sorelle
e gli insegnanti sono come genitori e ti insegnano tante cose.
Ma anche a rispettare gli altri,  il mondo e la natura,
che sono le cose fondamentali, altrimenti significa che non hai capito niente
ed il tuo sapere non vale niente!


TORNA SU